Terapia della cellulite a Pisa

cellulite pisaL'argomento cellulite mi appassiona da anni ed è per questo che lo considero uno dei cardini della mia attività presso lo studio di Pisa, in realtà di San Giuliano Terme.
Pochi argomenti hanno suscitato più dibattito e polemiche nella comunità scientifica e professionale dei dermatologi di quella di cellulite.
Per anni, molti nella comunità medica hanno sostenuto che la cellulite è solo grasso e poteva essere trattata solo con dieta ed esercizio fisico.
Il termine "cellulite" è stata coniata in Europa più di 150 anni fa, e da allora gli studi si sono concentrati sulla struttura del tessuto adiposo nelle persone con cellulite.
Dal risultato degli studi più recenti, è lecito concludere che la cellulite è certamente dovuta alla presenza di una maggiore componente di grasso dell'ordinario in una determinata parte del corpo, e al fine di trattarlo, si deve capire veramente suo aspetto unico.
Per capire meglio questa condizione abbiamo bisogno di guardare la struttura del grasso così come le cause della cellulite.

Che cos'è la cellulite?

Piaccia o no, l'uomo è un animale grasso. La superficie della nostra pelle è ricoperta da uno strato di olio, e con poche eccezioni, è anche presente uno strato di grasso (detto pannicolo adiposo) fra la cute ed i muscoli, nella maggior parte della superficie corporea.
Le funzioni principali di questo strato di grasso sono di fornire termoregolazione, ammortizzazione contro traumi meccanici e donare un contorno omogeneo al corpo, soprattutto, questo strato di grasso è una fonte di energia.
Proprio a scopo energetico, si accumulano nelle cellule adipose (o adipociti) gli acidi grassi che vengono combinati con glicerolo e memorizzati come molecole di trigliceridi maggiori; quando sono necessarie riserve energetiche, le molecole di trigliceridi sono suddivisi in glicerolo e acidi grassi liberi che sono metabolizzati come fonte di energia. Quindi, le funzioni le cellule adipose sono un serbatoio di energia per il nostro corpo.
Il grasso corporeo è conservato negli adipociti, che insieme formano il tessuto adiposo. Il grasso è una forma di tessuto connettivo che si trova sotto la pelle (derma) intorno muscoli, organi e le articolazioni del nostro corpo.
deposizione di grasso nella celluliteAlla fine del 1970, Drs. Nurnberger e Muller (Bibliografia voce 1), nel loro sforzo per capire meglio la cellulite ed il grasso, hanno esaminato la struttura della pelle e la componente delle cellule adipose. Questi ricercatori scoprirono scoperto che nel corpo femminile, lo strato superiore del tessuto sottocutaneo (o ipoderma) consisteva in camere di cellule adipose (riempito con cellule di grasso), che sono separate da pareti verticali di tessuto connettivo chiamati setti. L'apice di queste camere grasse era della forma di una cupola arcuata, che era debole e incline a collassare quando è stata applicata pressione indebita.
Questa pressione potrebbe essere il risultato di eccesso di peso, ritenzione di liquidi o mancanza di forza a causa di poco o nessun esercizio. Queste camere più grandi hanno generato minori compartimenti di cellule grasse (dette papille adipose) che raggruppano ermeticamente sotto la pelle. Questa combinazione di camere di cellule adipose e compartimenti di cellule di grasso sono gli elementi che creano il cambiamento di aspetto in superficie della pelle, che noi chiamiamo cellulite.
È interessante notare che, quando hanno confrontato la struttura del ipoderma nei pazienti di sesso femminile con quello maschile, hanno scoperto che gli uomini avevano più piccole camere di cellule adipose, con setti obliqui; quest'ultima differenza strutturale offre più forza per i setti e permette loro di resistere a crollare sotto pressione. Essi hanno inoltre osservato che i compartimenti più piccoli delle cellule di grasso (papille adipose) avevano la stessa struttura in uomini e donne (bibliografia voce n°2). Si ipotizza che tale differenza nella struttura delle camere di cellule adipose possa predisporre le donne alla cellulite più degli uomini. È interessante notare che gli uomini con caratteristiche più femminili tendono ad avere camere di cellule adipose simili a donne, si è anche compreso che gli ormoni possono controllare questo aspetto della nostra diversità strutturale.

Come si forma la cellulite?

Ora che abbiamo capito alcune delle differenze strutturali connesse con la condizione di cellulite, diamo un'occhiata a quattro fasi progressive che si verificano durante la formazione della cellulite.

Fase o Stadio uno

Nella prima fase, si verificano diversi fenomeni che sono invisibili ad occhio nudo. Questi cambiamenti comportano un deterioramento del derma della pelle, per cui l'integrità dei vasi sanguigni e capillari che creano una complessa rete di trasporto in tutta la pelle inizia lentamente a rompersi. Analogamente, la regione superiore del derma inizia a perdere parte della sua rete capillare. Le cellule di grasso, ricavato all'interno delle camere di cellule adipose, cominciano a congestionare per un eccessivo livello di lipidi, spesso gonfiano 2-3 volte la loro dimensione originale. Fluido (linfa) inizia ad accumularsi nel tessuto, molto probabilmente a causa di un guasto nel sistema capillare. Proiezioni di grasso iniziano a verificarsi nel derma senza un parallelo un aumento di glicosaminoglicani (GAG), che può spiegare la maggiore capacità dei tessuti di trattenere l'acqua in eccesso (Bibliografia voce n°4).

Fase o Stadio due

Nella seconda fase, il deterioramento cutaneo continua e il microcircolo continua a diminuire. Le cellule adipose si ingorgano ulteriormente e il fenomeno della aggregazione è più pronunciato, spingendo i vasi sanguigni più lontano. Non è raro per gli spazi vuoti appaiono nel derma, che può essere il risultato del processo infiammatorio normale, che attiva enzimi specifici come collagenasi ed elastasi, creando un percorso disponibile per le cellule immunitarie di migrare verso il sito di infiammazione (Bibliografia voce n°3). Dal momento che i fluidi continuano ad accumularsi, in questa fase, si forsa la famosa pelle a "buccia d'arancia".

Fasi o stadi Tre e Quattro

Nelle fasi tre e quattro, il sistema microcircolatorio continua a deteriorarsi, rallentando il metabolismo nelle cellule del derma. Sia la sintesi proteica e il processo di riparazione sono ridotti drasticamente, che può contribuire ad un assottigliamento dello strato dermico. Depositi di proteine cominciano a formarsi intorno a gruppi di cellule adipose. Pizzicando la pelle tra pollice e indice, in questa fase dimostra un preciso effetto "buccia d'arancia". Con la quarta tappa, noduli duri sono evidenti nella regione cutanea. Questi sono composti da grumi di cellule adipose racchiuso in un guscio di proteine indurite. Questa è la fase finale di formazione della cellulite.

mesoterapia cellulite pisaQuali sono le cause della cellulite?

La causa precisa della cellulite è probabilmente da ricercare in una combinazione di fattori. Abbiamo già esaminato la struttura dello strato ipoderma ed esplorato differenze che sono insite nelle donne. Ora sappiamo da numerosi studi che ciascuna delle quattro fasi di formazione della cellulite si distingue per i cambiamenti nel livello molecolare e strutturale. Ora dobbiamo esaminare il meccanismo di innesco e di ciò che sta orchestrando questa condizione conosciuta come cellulite.

Secondo Drs. Sherwitz e Braun Falco (Bibliografia voce n°3), una delle cause dell'effetto increspatura della cellulite è la ritenzione di liquidi nel tessuto adiposo. Essi hanno rilevato che, insieme ad un ingorgo di cellule di grasso, tessuto con cellulite ha mostrato una chiara evidenza di invasione di fluido nelle fibre del tessuto connettivo degli strati superiori della pelle. Così i ricercatori concludono che non solo i liquidi trattenuti causano gonfiore visibile di cosce, fianchi e addome, ma che la mancata circolazione corretta della linfa non permetta alle sostanze tossiche, normale esito del metabolismo dei tessuto, di essere portato via e che ciò provochi un effetto dannoso sulla produzione di collagene e fibre di elastina che aiutano a mantenere la pelle liscia e soda.

Ulteriori studi da DRS. Nurmberger e Muller confermano questa constatazione e indicano che vi è una diminuzione di elastina e fibre di collagene nel tessuto affetto da cellulite. Si ritiene che, con l'età, queste proteine ​strutturali generalmente cominciano a irrigidirsi e perdere la loro flessibilità. L'ingorgo delle cellule di grasso, liquidi e le tossine accumulate e cattiva circolazione può esacerbare la perdita di compattezza. Tutti questi fattori si ritiene che siano alla base della formazione della cellulite.
Mentre la vera causa della cellulite è il risultato di una rottura delle fibre connettivali, si deve ricordare che il motivo di questa rottura è più probabile un declino del sistema circolatorio. Anche se l'accumulo tossico e ritenzione di liquidi sono certamente i principali fattori che contribuiscono alla formazione della cellulite, è cattiva circolazione (sanguigna e linfatica di flusso) che crea in ultima analisi, l'ambiente giusto per la formazione della cellulite. Perdita di circolazione ad una zona - sia causata dalla mancanza di esercizio fisico, troppo seduti, le arterie intasate o carenza di nutrienti - può avere un impatto serio e accelerare la formazione della cellulite. È per questo che la cellulite compare generalmente in aree che hanno problemi di circolazione, purtroppo, una volta che si forma rallenta la circolazione in una zona ancora di più.

mesoterapia cellulite pisaChe cosa si può fare per curare la cellulite?

A parte la perdita di peso, esercizio e liposuzione, il numero di trattamenti che sono efficaci nel trattamento della cellulite sono limitati. Anche massaggio, una volta propagandato come essere efficace nel trattamento della cellulite, probabilmente fa più male che bene. Un massaggio non adeguato può causare infiammazione che richiama ancora più liquidi nella zona. Se non accompagnati con un mezzo per migliorare flusso sanguigno e linfatico dai tessuti, il massaggio può esacerbare il problema.
D'altra parte, una forma più leggera di massaggio, noto come drenaggio linfatico manuale (MLD), stimola il flusso linfatico e può in effetti essere uno dei mezzi più efficaci per curare le cause della cellulite. MLD è un leggero massaggio di pompaggio, ritmico sperimentato dal Dr. Emil Vodder. Questa tecnica ha il risultato unico di aiutare nella eliminazione dei liquidi linfatici senza aumentare il flusso sanguigno. Si raccomanda di essere fatto almeno due volte a settimana, o anche ogni giorno, per i migliori risultati. Tuttavia, questa è una tecnica terapeutica che richiede una corretta formazione e certificazione prima che possa essere eseguita in modo efficace.

cura della cellulite a pisaQuali sono le cure della cellulite che effettuo a Pisa

così come sono poliedriche le cause della cellulite anche le terapie devono riconoscerne la causa scatenante e promuovente in modo da colpirla la dove è più efficace.
La mesoterapia è uno dei mezzi da me preferiti, perchè è una terapia iniettiva pratica e semplice, manovrabile perchè il cocktail di sostanze utilizzate cambiano da paziente a paziente così come da uno stadio all'altro della cellulite.
Questa metodica che effettuo allo studio a Pisa, consiste in una seduta settimanale per 1 settimane che può essere corradata da integratori alimentari per il drenaggio e da creme galeniche lipodissolventi.
In genere l'efficacia delle terapie è molto alta mentre i costi ed il disturbo per i pazienti minimo.

Bibliografia

1) F. Nurnberger, G. Muller, la cosiddetta cellulite: una malattia Inventato, J. Dermatologia, Surg, Oncol.. Marzo 1978, vol. 4, n ° 3, pag. 221
2) M. Rosenbaum, V. Prieto, J. HELIMER, M. Boschman, J. Krueger, R. Leibel, A. Vescovo, un'esplorazione e Indagine della morfologia e biochimica della cellulite, Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, nel giugno 1998, vol. 101, n. 7, pag. 1934
3) K. Marenus, Cellulite eziologia, Dermatologia. Surg. 1997, vol. 23, pag. 1 177
4) W. Smith, Trattamenti della cellulite: Oli serpente o Scienza della pelle, C & T Ingrediente Resource Series, AHA e Cellulite Prodotti, 1995 p. 29